L’assessorato regionale al Bilancio e Tributi della regione Marche fa il punto sull’operazione di recupero dell’evaso relativa alla notifica degli avvisi di accertamento delle tasse automobilistiche relative agli anni 2000-2001 e 2002. Sono circa 3.000 le istanze di annullamento pervenute alla regione.

In particolare, oltre il 22% dei contribuenti ha ritenuto fondate le contestazioni ed ha affermato di voler pagare; oltre il 42% ha compilato erroneamente il bollettino; in più di un terzo dei casi non è stato comunicato agli uffici competenti la vendita, la rottamazione, il furto etc. del veicolo. I casi di avvisi è prevedibile che non supereranno la percentuale del 3-4%.

"Da questa prima verifica – si legge in una nota della regione – emerge un quadro che, nonostante le polemiche pretestuose sollevate nelle scorse settimane da parte delle forze politiche dell’opposizione che hanno strumentalizzato gli inevitabili disagi derivanti comunque da qualsiasi operazione di recupero, dimostra come l’operazione sia stata gestita in modo efficiente dalla Regione. L’aspetto più critico dell’operazione è, invece, da ricollegare ai ritardi con cui una parte degli avvisi è stata recapitata ai contribuenti; al riguardo una formale contestazione è stata inoltrata dalla Regione, tramite propri legali, a Poste Italiane S.p.A".

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)