Alla scuola media (ora secondaria di primo grado) e all’elementare (ora scuola primaria) le famiglie che hanno scelto solo il tempo obbligatorio, di 27 ore settimanali, sono pochissime. Il dato è stato reso noto dallo stesso ministero dell’Istruzione che nei giorni scorsi ha fornito i numeri ai sindacati di categoria. Nel monitoraggio effettuato su 41.554 classi prime e seconde classi di scuola media, quest’anno funzionano con l’orario minimo obbligatorio morattiano appena 555 classi: l’1,33%. Il 21 per cento delle classi in questione adotta un orario di 30 ore settimanali (come nella vecchia organizzazione oraria) e il 78 per cento un orario che varia dalle 33 ore alle 40 settimanali.

Stesso risultato dalla rilevazione alla scuola elementare. Meno ore di lezione e meno insegnanti, ma per quest’anno è andata male: così mamme e papà bocciano la Moratti. Nel primo anno di applicazione "a regime" della riforma della scuola primaria, la scelta del solo tempo obbligatorio (27 ore settimanali), auspicato da viale Trastevere per tagliare qualche migliaio di posti in organico, è miseramente fallita. La maggior parte delle famiglie ha optato per le ore obbligatorie più quelle opzionali (3 settimanali). Su 126.576 classi di scuola elementare monitorate quelle che funzionano con 27 ore settimanali sono soltanto 2.951, pari al 2,33 per cento. Il 72,9 per cento delle classi italiane svolgono da 30 a 34 ore di lezione settimanali e il 24,8 per cento addirittura 40 ore.

Le opzioni. Da quest’anno i genitori italiani, secondo la nuova mappa disegnata dal ministro Letizia Moratti, per quanto riguarda gli orari di lezione settimanali avevano a disposizione diverse opzioni. Niente più, quindi, orari rigidi come accadeva prima. In base al decreto legislativo numero 59 del 2004, il monte ore settimanale viene suddiviso in tre parti: una quota obbligatoria, una facoltativa e la terza per la mensa. Nella scuola primaria l’orario obbligatorio è di 27 ore settimanali, 3 le ore facoltative che le scuole organizzano in piena autonomia e 10 quelle destinate alla mensa. Alla media, restano 27 le ore obbligatorie, diventano 6 quelle opzionali e 7 le ore destinate alla refezione.

Gli Anticipi. Ma le brutte notizie non arrivano mai da sole, e per il ministro Moratti se ne aggiunge un’altra. In Lombardia e in tutto il nord Italia "l’anticipo" alla scuola elementare ha riscosso pochissimo successo. Secondo i dati forniti dai tecnici del ministero, nel corrente anno scolastico, in Lombardia gli anticipatari che frequentano le scuole pubbliche sono "appena" 3.213: meno dell’1 per cento (0,82 per cento, per l’esattezza). Un numero davvero esiguo se confrontato con i quasi 389 mila scolari della scuola primaria delle province lombarde. Differenza che salta all’occhio se si confrontano i dati della Lombardia (la regione italiana con la maggiore popolazione scolastica) con quelli delle altre due regioni per numero di alunni. In Campania, piccoli che hanno fatto ingresso in prima elementare a 5 anni e mezzo se ne contano quasi 10 mila e in Sicilia poco meno di 8 mila. Da sole, le due regioni del Sud contano il 40 per cento del totale degli anticipatari: 45 mila in tutto.

Tra le possibili cause della disaffezione sul cosiddetto anticipo al Nord la maggiore consapevolezza, da parte delle famiglie, che non se la sentono di "togliere un anno di gioco" ai propri figli, o la paura che – come sostengono diversi esperti – l’anticipo possa complicare la vita scolastica futura agli alunni "meno pronti".

 

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)