Aprire anche ai cittadini il Sistema Pubblico di Connettivita’, ossia la ‘superstrada digitale’ che collega tutte le amministrazioni pubbliche. E’ quanto ha proposto Livio Zoffoli, presidente del Cnipa (Centro Nazionale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione), intervenendo
al Forum P.A. Un atto concreto, spiega Zoffoli, "per ridurre il divario digitale e rendere piu’ facile l’accesso agli ormai numerosissimi servizi on-line della P.A., sia centrale che locale, andando cosi’ a coprire almeno il 60 per cento della popolazione di navigatori, che potrebbero utilizzare l’enorme disponibilta’ di banda larga pubblica nelle ore in cui gli uffici non la usano". In concreto, ha spiegato Zoffoli, "la Pubblica Amministrazione con Spc acquista banda larga a prezzi flat, con una disponibilita’ h24 ma usandola sostanzialmente dalle 8 alle 18. Al di fuori di questo orario rendiamola disponibile agli italiani, ad esempio in modalita’ wi-fi e wimax, installando antenne negli edifici pubblici, e via dicendo. Dobbiamo – ha aggiunto – tangibilmente invogliare la popolazione a usare le tecnologie dell’informazione e della comunicazione e la Rete che le supporta, favorendo convenientemente un maggior accesso ai servizi on-line la cui gestione porterebbe anche a una miglior utilizzazione delle risorse e a una riduzione dei costi affrontati dai singoli cittadini e, pertanto, dal sistema Paese".

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)