Gli artigiani italiani sono tra i meno cari d’Europa. Dal 1997 al 2004, nel nostro Paese, i prezzi dei servizi di manutenzione e riparazione sono cresciuti del 22%, vale a dire il 2,5% in meno rispetto alla media del 24,5% degli altri paesi dell’Ue. Nello stesso periodo il tasso di inflazione italiano è stato superiore del 4,1% rispetto alla media europea. Questi i dati contenuti in un’analisi di Confartigianato sulla dinamica degli indici dei prezzi al consumo armonizzati per il periodo 1997-2004, in basse alle rilevazioni effettuate da Eurostat, in Italia e nell’Unione Europea.

I servizi artigiani oggetto dello studio appartengono a 6 settori: lavaggio a secco e riparazione di capi d’abbigliamento; servizi di idraulici e elettricisti; riparazione di elettrodomestici; riparazione di auto e moto; riparazione di radio, televisori, apparecchi fotografici e computer; parrucchieri e istituti di bellezza.

"I prezzi praticati da tutte queste attività artigiane – si legge in una nota di Confartigianato – presentano variazioni largamente inferiori rispetto al tasso di inflazione medio europeo. Tra il 1997 e il 2004, il contenimento delle variazioni di prezzo sono state più marcate per i riparatori radio-tv (- 9,9%), i riparatori di elettrodomestici ( -7,5%) e sono particolarmente significative per idraulici ed elettricisti (- 4,1%) e parrucchieri e istituti di estetica (- 3%)."

Per ogni categoria di artigiani, inoltre Confartigianato ha stilato una classifica dei paesi europei più virtuosi per la dinamica di prezzi: gli artigiani italiani si trovano sempre nei primi cinque posti, nonostante – afferma Confartigianato – l’Italia sia addirittura al 12° posto nella classifica relativa all’Indice totale dei prezzi al consumo.

A fronte del comportamento anti-inflattivo degli artigiani, – aggiunge ancora Confartigianato – la dinamica dei prezzi italiani di alcuni servizi pubblici non completamente liberalizzati fa invece segnare, sempre nel periodo 1997-2004, una variazione superiore del 25,5% rispetto alla media Europea. Le voci che compongono questo paniere di servizi sono: acqua potabile, tariffa rifiuti solidi, trasporti aerei, servizi postali, servizi di telefonia e telematici, assicurazioni, servizi finanziari. Il che dimostra, secondo Confartigianato, come la mancata liberalizzazione o il passaggio da monopoli pubblici a monopoli privati conseguenti alle privatizzazioni determina effetti fortemente negativi per i consumatori italiani.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)