Individuare standard ed indicatori condivisi per la valutazione della qualità, sicurezza ed efficienza del servizio di guardia medica, segnalare e monitorare in maniera congiunta e permanente il servizio sul territorio, realizzare campagne di informazione per i cittadini, avanzare proposte per interventi strutturali di miglioramento, prevedere l’esame, all’interno di commissioni paritetiche, della casistica e dell’eventuale contenzioso.

Sono questi i principali punti dell’accordo firmato oggi da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato e FIMMG-Continuità assistenziale (che raggruppa i medici di guardia medica) per valutare le principali criticità del servizio e individuare insieme possibili soluzioni. I medici di guardia medica della FIMMG, si impegneranno, inoltre, a garantire una rete territoriale, di consulenza e assistenza alle sedi del Tribunale per i diritti del malato per aiutare i cittadini che si rivolgono ai servizi di consulenza del Pit salute.

"È evidente che il servizio di guardia medica, nella sua strutturazione attuale, non è in grado, nonostante la professionalità degli operatori e la loro dedizione, di rispondere adeguatamente ai bisogni dei cittadini ed è sottoposto a richieste alle quali non è in grado di far fronte. Proviamo a lavorare insieme, cittadini ed operatori per tentare di migliorare le cose dal basso e cambiare una situazione che si dimostra ogni giorno di più inadeguata e insicura." E’ quanto dichiara Stefano Inglese, responsabile nazionale del Tribunale per i diritti del malato- Cittadinanzattiva, a commento del protocollo di intesa siglato oggi, all’interno del 57° congresso nazionale della FIMMG.

Difficoltà di ottenere una visita a domicilio e di usufruirne rapidamente (30.2% delle segnalazioni ricevute su questo tema), impossibilità di raggiungere telefonicamente il servizio (7.4%), indisponibilità di prestazioni comunemente offerte dai medici di famiglia (7.0%), impossibilità di ottenere assistenza in situazioni di emergenza per inadeguatezza delle apparecchiature in dotazione (9.8%), sono le principali questioni segnalate dai cittadini alle sedi territoriali del Tribunale per i diritti del malato e ai servizi PIT salute e testimoniano di una difficoltà evidente di questa area del Servizio sanitario nazionale.

"Troppo spesso i cittadini si rivolgono al servizio di guardia medica perché il pronto soccorso è distante o, comunque, difficile da raggiungere"-continua Inglese. "È necessario chiarire una volta per tutte compiti, ruoli e funzioni dei diversi presidi sul territorio e, soprattutto, garantire al paese una copertura adeguata, assicurando tempestività, qualità e sicurezza degli interventi. Come cittadini abbiamo bisogno di poter contare su una assistenza continua nell’arco delle 24 ore e di sapere esattamente a chi rivolgerci avendo la certezza di poterci contare. Nei prossimi mesi lavoreremo intensamente, insieme ai medici di guardia medica, per migliorare l’esistente e progettare il futuro."


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)