La Regione sta lavorando perché la Sardegna diventi un caso di scuola in Italia nell’amministrare la società delle telecomunicazioni. Il Presidente della Regione, Renato Soru, ha illustrato ieri, insieme all’assessore agli Affari generali, Massimo Dadea lo stato di attuazione dei progetti per la società dell’informazione. La Sardegna è l’unica regione italiana ad aver aggiudicato entro il 31 dicembre tutte le gare previste. Grazie a tre accordi di programma quadro con lo Stato sulla materia, la Sardegna ha beneficiato di 148 milioni di euro di fondi.

La strategia è far diventare la Sardegna un modello di eccellenza per l’utilizzo delle nuove tecnologie dell’informazione e delle comunicazioni nella pubblica amministrazione. Attraverso l’utilizzo delle soluzioni Ict (Information communication technology) come occasione di riorganizzazione e rilancio dell’intera amministrazione regionale, ma anche attraverso lo sviluppo delle competenze in ambito Ict per il trasferimento e il riuso a livello nazionale e internazionale, l’apporto di competenze e di investimenti per la crescita dell’occupazione e la nascita e valorizzazione delle imprese locali, l’abbattimento dei confini geografici e il superamento dei vincoli di natura territoriale con la cancellazione del digital divide sul territorio regionale.

Cinque piani d’azione specifici: la rete telematica regionale, i sistemi informativi dell’amministrazione, della sanità e degli enti locali e la banda larga per superare definitivamente il cosiddetto "digital divide", il divario fra chi ha accesso a queste tecnologie e all’informazione e chi ne è escluso. "Il 28 dicembre del 2004 abbiamo stipulato l’ApQ con il governo – ha detto l’assessore Dadea – sulla società dell’informazione". Il primo accordo aveva messo a disposizione della Regione 55 milioni di euro. Altri 33 milioni sono arrivati con un primo atto integrativo firmato il 13 aprile 2005, seguito da un secondo, il 15 dicembre scorso, che ha concesso alla Sardegna ulteriori 25 milioni di euro. E l’assessore Dadea ha proseguito precisando che è stato anche modificato il complemento di programmazione del Por, sulla società dell’informazione, da cui sono scaturiti altri 35 milioni di euro. Già ad aprile 2005 la Sardegna risultava prima in Italia per programmazione della spesa in questo campo. Il 16 gennaio scorso il rapporto Cnipa ha certificato che l’isola è stata l’unica regione italiana ad aver aggiudicato tutti i bandi relativi ai finanziamenti Cipe entro il 31 dicembre 2005.

 

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)