La regione Toscana e l’Irpet (Istituto Regionale per la Programmazione Economica) hanno presentato, oggi a Firenze, il nuovo data base e la ricerca sugli immigrati toscani, "uno strumento importante per capire e governare il fenomeno dell’immigrazione che si caratterizza come l’evento demografico, sociale ed economico più rilevante degli ultimi anni e del prossimo futuro", ha affermato l’assessore alle riforme istituzionali, Agostino Fragai.

Secondo dati Caritas, la Toscana, con quasi 223 mila soggiornanti nel 2004 è la quinta in Italia per presenze di cittadini stranieri e questi valori incidono per un 5,4% sulla popolazione totale. "Albanesi, cinesi e rumeni, seguiti da marocchini, i più numerosi. Gli immigrati toscani – ha spiegato l’assessore al lavoro, Gianfranco Simoncini – vivono, studiano e lavorano nel nostro paese. Pagano le tasse e contribuiscono alla crescita dalla nostra economia. Molti, a distanza di anni, hanno portato qui l’intera famiglia".

"Anche per questo – ha ricordato l’assessore alle riforme istituzionali – la regione vuol far votare i propri stranieri: un diritto da concedere almeno a coloro che risiedono nella regione da tempo, da tre o cinque anni. E l’obiettivo è di farlo entro il 2010. Con due percorsi paralleli: una legge toscana che consenta agli immigrati con regolare permesso di soggiorno di votare alle elezioni regionali ed una proposta di legge in Parlamento per aprire l’accesso al voto nelle comunali e provinciali, oltre che costituire una cornice di riferimento per tutte le Regioni".

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)