Per la gestione dell’emergenza determinata dall’influenza aviaria è necessario nominare al più presto un commissario straordinario che con il necessario supporto di un comitato scientifico eviti il diffondersi di notizie allarmistiche che danneggiano fortemente le imprese. Lo ha chiesto il presidente della Coldiretti, Paolo Bedoni, all’incontro con il governo al tavolo agroalimentare che si è svolto a Palazzo Chigi dopo le distorsioni sui rischi del consumo di uova fresche.

Dopo che sono crollati i consumi di carne di pollo del 50 percento per una evidente reazione emotiva si rischia – ha denunciato il presidente – di travolgere un altro importante comparto del Made in Italy come quello delle uova dove sono impegnati 2000 allevamenti con una produzione annuale di oltre 13 miliardi di uova che generano sul mercato un fatturato di 1,250 miliardi di euro grazie al consumo medio da parte dei italiani di 222 uova a testa (12,9 miliardi di uova in totale).

Una situazione grave che – sottolinea Bedoni – deve dunque essere affrontata con responsabilità dalle istituzioni anche attraverso una Autorità che sovrintenda all’emergenza e dia attuazione ad un piano di salvaguardia e protezione degli allevamenti che preveda adeguati interventi di promozione e valorizzazione che evidenzino la qualità e la sicurezza alimentare delle produzioni italiane, ma anche misure di salvaguardia per gli allevatori e l’armonizzazione delle norme sulla biosicurezza ed una intensificazione dei controlli e delle sanzioni sul mancato rispetto delle norme sulle importazioni.

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)