"Registriamo il positivo impegno di Governo e Regioni a lavorare in fretta all’interno delle linee del piano straordinario di intervento che abbiamo presentato per sconfiggere crisi e psicosi e salvare lavoro ed imprese". E’ quanto ha affermato il Presidente della Coldiretti Paolo Bedoni al termine del tavolo agroalimentare di filiera convocato dal Governo a proposito degli ultimi sviluppi dell’influenza aviaria su tutta la filiera avicola.

"Sono state immediatamente accolte – ha precisato Bedoni – le nostra richieste di raddoppiare a 45.000 tonnellate le quantità invendute da ritirare dal mercato, di avviare di una capillare azione informativa contro la psicosi e di difendere con decisione a livello comunitario la norma nazionale che obbliga all’etichettatura di origine il pollame in vendita. C’è inoltre l’impegno per altri robusti interventi di impatto immediato sulle imprese e sui lavoratori da adottare anche affrontando il rischio di una procedura di infrazione qualora le misure di sostegno per il settore, che saranno autorizzate dall’Unione europea, dovessero essere insufficienti".

"Di fronte ad una situazione grave di emergenza per le imprese l’efficacia dei provvedimenti dipenderà – ha concluso il presidente di Coldiretti – dalla tempestività e dalla responsabilità che sapranno dimostrare le istituzioni nel renderli operativi. Continueremo la nostra azione per superare la ingiustificata situazione di allarme che sta determinando una grave crisi nelle imprese nazionali nell’allevamento di animali di grande qualità controllati e trasparenti per la sicurezza dei consumatori".

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)