A poche ore dall’accertamento di 6 casi di influenza aviaria in Italia, Legambiente avanza le sue richieste. "Riprendere il piano nazionale di monitoraggio sulle zone dove si fermano gli uccelli migratori e effettuare controlli capillari sugli allevamenti per certificare la sicurezza degli animali". Questa l’appello dell’associazione ambientalista al Governo.

"E’ incredibile – commenta Francesco Ferrante direttore generale dell’associazione – che il piano nazionale di monitoraggio sui migratori si sia fermato al 31 gennaio e abbia riguardato solo poche aree del Paese, per mancanza di fondi. Chiediamo dunque al Governo di sapere quante risorse sia in grado di mettere a disposizione e dove intenda effettuare le attività di monitoraggio sulla presenza di ceppi di influenza aviaria in Italia".

"Sul fronte della sicurezza alimentare – prosegue il direttore di Legambiente – sono le Asl a dover effettuare controlli sugli allevamenti, che in una fase eccezionale come quella attuale non possono essere episodici. Questo è l’unico modo per certificare la sicurezza dei nostri polli, tutelare il lavoro di centinaia di aziende avicole e la salute dei cittadini italiani. Sono 4 mesi che si parla di aviaria, ma l’unico provvedimento che ha preso il governo è quello di ordinare i vaccini arricchendo le multinazionali. Nessuna parola invece sulla necessità di portare avanti i monitoraggi e il controllo degli allevamenti".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)