"I provvedimenti che il Governo sta assumendo coinvolgeranno positivamente l’intera filiera, come più volte richiesto dalle associazioni di categoria". E’ quanto ha affermato il rappresentate del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, Rosario Lopa nel corso del tavolo Provinciale di questa mattina convocato dall’Assessore all’Agricoltura, Francesco Emilio Borrelli della provincia di Napoli sottolineando che "l’aumento dell’esportazione all’estero delle nostre carni che ha raggiunto nell’ultimo mese addirittura il 16% è segno evidente che negli altri Paesi il prodotto italiano è percepito come garantito e sicuro".

"A dimostrazione della bontà e della sicurezza della carne avicola italiana e Campana si moltiplicano le iniziative di degustazione del nostro pollo. Comunque – prosegue Lopa – per l’influenza aviaria, il Governo ha stanziato 220 milioni per il sostegno del settore. Il pacchetto di provvedimenti del Governo per il settore che gli operatori potranno contare su 100 milioni di euro previsti nell’emendamento al decreto agricoltura, che ha già ricevuto il via libera dalla Camera e sui quali la Commissione europea ha dato il suo assenso".

In particolare, il rappresentante del Mipaf ha ricordato che "ai 100 milioni di cui sopra bisogna aggiungere in sede di conferenza, i 20 milioni di euro, già stanziati con il decreto legge del 1° ottobre 2005, n. 202 per il ritiro delle carni congelate stoccate. Il Senato ne aveva approvato la conversione in legge il 23 novembre dell’anno scorso. Il decreto dell’anno scorso prevedeva il ritiro di 17.000 tonnellate di carni, e a questo proposito la circolare Agea è già partita. Ci saranno ulteriori risorse per ritirare le 45 mila tonnellate complessive già stoccate nelle celle frigorifere. Tra sei mesi, gli allevatori potranno scegliere se riconvertire l’attività verso altri settori oppure riprendere la produzione".

Per quanto riguarda l’accordo raggiunto con le associazioni datoriali, i sindacati e le Regioni Lopa ha aggiunto: "Si tratta di100 milioni di euro previsti sulla base di una norma della finanziaria, il comma 410, che prevede interventi sulla cosiddetta cassa in deroga per le imprese agricole interessate dall’influenza aviaria . Gli interventi riguardano la cassa integrazione, la mobilità, la disoccupazione agricola e potranno essere utilizzati da tutti gli attori della filiera che operano nelle imprese di allevamento e di pollame, nella produzione di mangime, del confezionamento di generi alimentari, del commercio all’ingrosso fino al trasporto delle merci limitatamente alla filiera avicola. Lo stanziamento di 100 milioni, già disponibile, verrà utilizzato attraverso la rete di uffici Inps. L’accordo si applica a tutte le aziende (agricole, artigiane e industriali) operanti nel settore avicolo, nel senso più ampio del termine: produzione e trasformazione di carni avicole, produzione di mangimi, trasporto e di distribuzione di carni avicole, etc".

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)