Circa 1,2 miliardi di persone sono a rischio di contrarre una forma grave di influenza: sono le più recenti stime dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità). Un dato che tiene conto dei circa 385 milioni di persone oltre i 65 anni, 140 milioni di bambini, e del fatto che il 12% circa della popolazione nei paesi industrializzati soffre di malattie respiratorie croniche, inclusa l’asma. Cifre senza dubbio allarmanti, delle quali si discuterà sabato 15 ottobre 2005 presso l’Aula Magna della Divisione Grottaferrata (Grottaferrata, Roma) dell’INI, Istituto Neurotraumatologico Italiano, nel corso del convegno dal titolo "Gestione attuale di patologie internistiche ed infettivologiche". Obiettivo dell’iniziativa, offrire un contributo all’aggiornamento dei medici di base e dei sanitari in genere, ovvero a chi si troverà ad affrontare in prima linea la possibile pandemia.

Secondo i più aggiornati studi in materia, riporta l’INI, epidemie aviarie caratterizzate dalla rapida morte degli animali si sono osservate solo a partire dal 1997, anno in cui sono state registrate, a Hong Kong, anche le prime 16 morti umane. Questi casi, si legge nelle relazioni che saranno presentate al convegno, sono però rimasti isolati fino al dicembre 2003, quando l’epidemia influenzale si è riaccesa in allevamenti aviari della Corea e sono stati descritti nuovi casi di infezione umana con esito mortale. Da allora, e fino all’agosto 2005, il numero di infezioni umane descritte è salito a 112, di cui 57 mortali.

E se prima del ’97 – spiegano i ricercatori – si riteneva che l’animale nel quale avviene la ricombinazione tra virus aviario e virus umano fosse il maiale, in quanto nel suo epitelio respiratorio sono presenti i recettori sia per l’influenza aviaria che per quella animale, ora è certo che l’uomo può essere infettato direttamente dall’H5N1.

Il convegno di sabato prossimo vedrà la partecipazione di eminenti professori universitari (Massimo Andreoni, Carlo De Bac, Silvia Migliaccio, Salvatore Minisola, Antonio Nigri, Gloria Taliani, Roberto Tatarelli, Fabrizio Toccaceli) e di esponenti dell’Istituto superiore di sanità (Marta Luisa Ciofi Degli Atti del Centro nazionale di epidemiologia).

 

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)