Il gruppo Digital Magics, la media company attiva nel mercato dei contenuti partecipativi in partnership con i principali operatori, in occasione della presentazione della ricerca "BroadBandPeople", realizzata in collaborazione con DOXA, ha annunciato l’istituzione di Osservatorio permanente sul consumo dei contenuti digitali via banda larga. Per rispondere ai nuovi bisogni di consumo dei media, l’Osservatorio avrà il compito di monitorare l’impatto della banda larga sul consumo dei contenuti digitali.

"Oggi si contano oltre sette milioni di utenze domestiche con accesso a connessione veloce e altrettanti possessori di cellulari UMTS e abitazione con i-Tv (la Tv satellitare)" – spiega Enrico Gasperini, presidente di Digital Magics – "Per il 45% di questi utenti la banda larga rappresenta un’innovazione "rivoluzionaria". L’Osservatorio avrà inoltre il compito di monitorare anche l’impatto delle tendenze sui consumi di contenuti digitali e di presentare una fotografia organica e realistica dell’evoluzione dello scenario italiano. "Nel 2004 erano solo quattro milioni le famiglie con linea ADSL, il livello di penetrazione dell’UMTS e della i-TV era assolutamente marginale e il 60% degli utenti dichiarava di non trovare contenuti adeguati alle proprie esigenze", continua Gasperini, sottolineando come le ultime ricerche abbiano evidenziato invece una forte propensione all’acquisto di nuovi contenuti da parte dei consumatori.

Per ridefinire il rapporto tra utenti e media e far fronte ai nuovi bisogni di interazione, partecipazione e crossmedialità, Digital Magics ha annunciato il lancio di Magics Labs, un centro di ricerca per l’ideazione e sperimentazione di nuovi format. "Progettare la TV del futuro, frutto della fusione tra la televisione tradizionale e i nuovi modelli televisivi proposti dai new media. E’ questo l’obiettivo di Magic Labs, un laboratorio in grado di eleborare contenuti, partendo dalle esperienze consolidate della televisione, ma con un approccio completamente innovativo", aggiunge Gabriele Gresta, vicepresidente di Digital Magics, sottolineando che ormai, grazie alle nuove tecnologie e alla voglia di protagonismo dei nuovi spettatori, possiamo dire di essere ormai al dopo "Grande Fratello". "La filosofia di Magic Labs sarà improntata allo sviluppo di una nuova generazione di format interattivi e partecipativi che tiene conto delle incredibili potenzialità dei nuovi dispositivi e permette di trasmettere in diretta come il telefonino o la webcam".
Ma la barriera del digital divide, che ancora impedisce l’accesso di massa a queste nuove tecnologie, e l’eccessivo voyeurismo dei nuovi utenti continuano a rappresentare il vero limite per queste nuove piattaforme.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

 

Parliamone ;-)