Da qualche mese una ditta con sede ad Amburgo sta proponendo a molti intestatari di siti web aziendali italiani una costosissima iscrizione (circa 860 € all’anno per tre anni) ad un catalogo privato, presentandola con modalità ingannevoli che inducono gli ignari destinatari a pensare che si tratti di una registrazione obbligatoria ed ufficiale. La denuncia arriva dalla sede di Ascoli Piceno del Movimento Difesa del Cittadino che raccomanda la massima attenzione e cautela nel valutare offerte di tal genere che si dovessero ricevere, contattando associazioni di consumatori o esperti prima di inviare anche solo via fax eventuali adesioni.

Il logo è tale da indurre in inganno gli ignari destinatari essendo molto simile, per forma e colore, a quello della Telecom; inoltre, viene precisato che anche senza inviare alcun ordine saranno "attualizzati i vostri dati di Base". Ma, soprattutto il nome dell’offerta "Registro italiano in Internet per le imprese" produce, insieme agli altri elementi, certamente un’ingannevole comunicazione dalla quale non si comprende la vera natura dell’offerta.

La responsabile della locale sede del Movimento Difesa del Cittadino, Micaela Girardi, fa notare che il prezzo – pur con caratteri molto piccoli – risulta indicato nella prima pagina e ciò non consente di parlare di vera e propria truffa contrattuale. Comunque, da parte degli enti che controllano le offerte ingannevoli in ambito europeo, risulta che tale ditta di Amburgo abbia effettuato analoghe operazioni in altre nazioni UE.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)