Maria Rita Munizzi, Presidente del Moige (movimento italiano genitori) commenta positivamente il concorso "La Famiglia", istituito dal governo, che premia il programma televisivo e radiofonico che avrà esaltato con maggiore efficacia l’immagine positiva della famiglia, società naturale fondata sul matrimonio tra persone di sesso diverso.

L’iniziativa governativa – ha affermato la Munizzi – mi sembra del tutto legittima e apprezzabile. Ciò che invece trovo vergognoso e discriminante è l’atteggiamento intollerante di certi gruppi che, in base a proprie sovrastrutture culturali, da una parte reclamano il pubblico patrocinio per le loro iniziative e dall’altra criticano anche l’istituzione di premi puramente simbolici a sostegno della grande maggioranza delle famiglie italiane, quelle eterosessuali.

Oltre il 90% delle famiglie italiane – ha spiegato la Munizzi – è fondata sul matrimonio, ed è dunque eterossessuale, ma in tv è più facile trovare modelli differenti; la famiglie tradizionale, rappresentata è quasi sempre un luogo di conflitti e patologie. Dunque, nel pieno rispetto di tutte le scelte di vita, non vedo perché dovrebbe essere attaccata con tanto astio preconcetto l’istituzione di questo premio.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)