Il reato di mobbing si configura nel caso di condotta del datore di lavoro sistematicamente vessatoria e ripetuta nel tempo, tale da concretizzare una lesione dell’integrità psico-fisica del lavoratore. Questo il parere espresso dalla Corte di Cassazione (Sezione Lavoro Sentenza n. 4774 del 6 marzo 2006), chiamata a decidere su un caso di comportamento persecutorio sul posto di lavoro.

L’illecito, che rappresenta una violazione dell’obbligo di sicurezza posto dall’art.2087 c.c. a carico del datore di lavoro, secondo la Corte si può realizzare con comportamenti materiali o provvedimenti del datore di lavoro indipendentemente dall’inadempimento di specifici obblighi contrattuali previsti dalla disciplina del rapporto di lavoro subordinato. La sussistenza della lesione fisica e morale del dipendente deve essere infatti verificata valutando l’offensività della condotta del datore di lavoro, che può essere dimostrata, per la sistematicità e durata nel tempo, dalle sue caratteristiche oggettive di persecuzione e discriminazione, anche in assenza di una violazione di specifiche norme di tutela del lavoratore subordinato.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)