La Leche League, autorità internazionalmente riconosciuta nel campo dell’allattamento materno ritiene che dovrebbe prestarsi maggiore attenzione alla promozione dell’allattamento al seno come strumento di prevenzione e tutela della salute pubblica invece che soffermarsi sulla sterile e fuorviante polemica sul costo del latte artificiale pur convenendo che qualsiasi pratica di "cartello" fa lievitare i prezzi e costituisce un danno nei confronti dei consumatori.

Il latte artificiale dovrebbe essere un prodotto di nicchia, e tale sarebbe se solo venisse attuata la prevenzione del fallimento di tanti allattamenti al seno, come dimostra l’esperienza di altri paesi europei. Invece, un’indagine Istat rileva che l’81% delle donne che ha avuto figli nel periodo 96 – 2002 ha allattato al seno il proprio bambino ma che solo il 58% lo ha fatto in modo esclusivo (con una drastica riduzione, quindi, a poco più del 20% di bambini allattati con solo latte materno senza integrazioni con altri liquidi o alimenti).

La Leche League sostiene che promuovere la piena accessibilità del latte artificiale equivale a fare una campagna per la gratuità assoluta di un farmaco; sarebbe più utile sensibilizzare le future mamme sull’importanza dell’allattamento al seno attraverso una campagna di promozione a livello nazionale.

A tal fine la Leche League ricorda che:

– l’allattamento al seno è la norma alla quale tutti i bambini dovrebbero essere messi in grado di alimentarsi ;

– i vantaggi dell’allattamento al seno per la madre, il bambino, la famiglia e la società fanno della promozione dell’allattamento al seno una priorità di salute pubblica;

– il Ministero della Salute, attraverso la delega all’ISS, ha definito l’allattamento al seno uno degli obiettivi di promozione della salute;

– le ricerche scientifiche indicano che la percentuale fisiologica di donne in grado di allattare felicemente sia la quasi totalità;

– in alcuni paesi anche vicino a noi (Norvegia) gli interventi di promozione dell’allattamento effettuati dal Governo nazionale hanno portato la percentuale di successo al 98% di donne alla dimissione, contro il l’81% in Italia, che crolla al 24% a soli 3 mesi;

– in Italia al rientro a casa più di un quarto delle donne ha riferito di aver avuto problemi inerenti l’allattamento. La proporzione di donne allattanti al seno in maniera completa oltre il 4° mese varia dal 18% al 56%.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)