L’Assemblea di Federfarma, riunita dopo la manifestazione in piazza che ha visto la partecipazione di 4.500 farmacisti, conferma lo stato di agitazione permanente e prevede: la chiusura delle farmacie da domani 28 luglio a oltranza, fino alla conversione in legge del decreto Bersani. Il servizio essenziale sarà assicurato dalle farmacie di turno;di prendere parte, insieme agli altri professionisti, alla manifestazione di domani; di dare la propria adesione a un’eventuale raccolta di firme decisa insieme alle altre categorie di professionisti, per chiedere un referendum abrogativo del provvedimento Bersani.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)