Il Movimento Difesa del Cittadino (MDC) accoglie positivamente la sentenza del Consiglio di stato che ha confermato la multa alla Telecom, sia pur riducendola a 115 milioni di €, per posizione dominante.

È ora che la grande azienda cambi decisamente e si apra alla vera concorrenza, non con politiche di marketing aggressivo, come quello attuato ormai da troppo tempo sui servizi non richiesti, che generano un enorme contenzioso con gli utenti, e bloccando qualsiasi sviluppo di una sana concorrenza soprattutto nel mercato dei servizi più innovativi come l’ADSL.

"Ora chiediamo che i 115 milioni di € vengano destinati a rimborsare gli utenti vittime di questo marketing aggressivo della Telecom – afferma Antonio Longo, presidente del Movimento Difesa del Cittadino – con programmi di informazione sui diritti dei consumatori e finanziando la conciliazione nei casi di contenzioso".

"Chiediamo che questi soldi – continua Longo – non vengano scippati dal Ministero dell’economia, come già avvenuto a dicembre scorso per 11 milioni di € che erano già destinati dal Parlamento a iniziative di informazione e che invece Tremonti ha deciso di incamerare illegittimamente. Per legge (Finanziaria del 2000) le risorse delle multa antitrust devono tornare agli utenti con iniziative a loro favore. Chiediamo che questi 115 milioni vengano destinati in particolare agli utenti dei servizi telefonici e vigileremo per raggiungere questo scopo".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)