Utilizzare le tende al posto dei condizionatori per climatizzare gli ambienti domestici. Questo il consiglio di Michele Macaluso, direttore dell’Anea (agenzia napoletana energia e ambiente) per gli abitanti di Napoli in vista dell’estate. "L’uso indiscriminato di condizionatori – ha dichiarato Macaluso – ha contribuito solo ad aumentare l’effetto serra e a creare bolle di calore in città. L’aria fresca in casa si paga con una maggiore quantità di aria calda all’esterno. L’uso di tende solari negli ambienti più caldi consente di ridurre la temperatura interna di 3-4 gradi e di risparmiare 200 euro all’anno sulla bolletta della luce".

"Durante i tre mesi estivi, da oggi fino al 15 settembre – ha spiegato ancora Macaluso – un singolo condizionatore consuma mediamente 1000 chilovattora e immette nell’atmosfera mezza tonnellata di anidride carbonica. Se consideriamo che solo lo scorso anno in Campania sono stati installati 200 mila nuovi condizionatori che hanno immesso in atmosfera 100 mila tonnellate di nuova CO2, è facile immaginare i vantaggi ecologici della nostra proposta". Per chi comunque non riesce a resistere, l’Anea consiglia l’uso dei ventilatori a pale che consumano meno energia rispetto ai climatizzatori. "I condizionatori consumano più di tutti gli altri elettrodomestici presenti in casa – ha ricordato Macaluso – per questo è bene comprare prodotti di classe A a basso impatto ambientale e farli installare da tecnici esperti per non avere cattive sorprese sulla bolletta". I condizionatori – consiglia ancora l’Anea – andrebbero regolati a una temperatura di 4-5 gradi inferiore rispetto a quella esterna per evitare lo shock termico e spenti preferibilmente un’ora prima di uscire di casa.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)