Saranno circa 45.000 gli alunni e 260 gli istituti piemontesi che, domani, giovedì 24 novembre, parteciperanno alla raccolta di derrate alimentari non deperibili promossa presso le scuole dalla Fondazione Banco Alimentare Piemonte e Valle d’Aosta. La colletta alimentare, dal titolo "Aggiungi un pasto a tavola", è in atto dal 2002.

La Fondazione Banco Alimentare è una Onlus (Organizzazione non lucrative di utilità sociale) che raccoglie le eccedenze alimentari e le ridistribuisce ad Enti ed iniziative che, in Italia, si occupano di assistenza e di aiuto ai poveri ed agli emarginati. Per questo si pone al servizio, da un lato, delle aziende del settore che abbiano problemi di stock ed eccedenze e, dall’altro, delle Associazioni ed Enti assistenziali che distribuiscono ai propri assistiti pasti o generi alimentari in via continuativa.

Tra gli enti sostenitori del progetto vi è la provincia di Torino: più del 50% solo nell’area. "Quest’anno notiamo un salto di qualità nella partecipazione – ha dichiarato l’assessore all’Istruzione Umberto D’Ottavio- la Provincia farà quanto possibile per accompagnare questo percorso, perché deve crescere la cultura del dono. Presenteremo dei progetti di formazione." "Il disagio dev’essere incanalato in cultura positiva – ha concluso l’assessore – la Provincia è particolarmente interessata alle iniziative rivolte ai giovani."

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)