Gli italiani che mangiano continuamente per evidente ansia compulsiva sono 4,3 milioni con un aumento del 30% rispetto al 2000 ed una forte concentrazione tra i giovani di età compresa tra i 15 -17 anni dove interessa quasi uno su quattro. E’ quanto riferisce la Coldiretti che ha avviato nelle scuole il progetto Educazione alla Campagna Amica, in occasione dell’Obesity day di oggi, sulla base del primo monitor sull’evoluzione degli stili alimentari degli italiani elaborato dalla società Astra.

Secondo la ricerca per la maggioranza degli italiani è il pranzo il pasto principale della giornata, anche se il 27% punta sulla cena, mentre un elevato 22% non mangia niente alla prima colazione. Una cattiva abitudine che – aggiunge Coldiretti – risulta accentuata tra le giovani generazioni che in un caso su tre dichiarano di rinunciare al pasto del mattino. Si tratta di un trend particolarmente "pericoloso" non solo alla luce della tradizione popolare che considera la colazione il momento "energetico" più importante della giornata ma anche delle più recenti scoperte scientifiche come quella pubblicata dal "Journal of the American Dietetic Association" dalla quale emerge che le ragazze che saltano la colazione hanno piu’ probabilità di diventare obese rispetto a quelle che la consumano a base di derivati dai cereali accompagnati da latte o succo di frutta.

Sono molti gli studiosi che affermano che chi fa colazione in modo regolare è meno portato a "mangiucchiare" tra i diversi pasti e a consumare snack calorici con effetti disastrosi per la linea. Un risultato – sottolineano i coltivatori – confermato anche nell’esperienza dell’Italia come dimostra il fatto che i casi di soprappeso ed obesità tra le nuove generazioni interessa il 36% dei ragazzi italiani attorno ai dieci anni, il valore più alto tra i Paesi Europei.

L’associazione di categoria chiede di intervenire nelle scuole, nella comunicazione televisiva e nelle famiglie per completare l’informazione disponibile alle giovani generazioni sui cibi in vendita e modificare abitudini di consumo sbagliate che si sono diffuse anche nel nostro paese. Un impegno che la confederazione sta realizzando con il progetto "Educazione alla Campagna Amica" che coinvolge oltre centomila alunni delle scuole elementari e medie in tutta Italia che parteciperanno ad oltre tremila lezioni in programma nelle fattorie didattiche e agli oltre cinquemila laboratori del gusto organizzati nelle aziende agricole e in classe.

Per maggiori informazioni clicca qui .

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)