Sportelli chiusi per "guasti tecnici" sempre più frequenti, impossibilità di riscuotere vaglia o pensioni con invito a ripassare in altra data. E ancora, difficoltà di individuazione di raccomandate o pacchi postali al momento del ritiro "previa consegna avviso" per incompleta compilazione dei dati da parte del postino. Sono alcuni dei disservizi di Poste Italiane denunciati consigliere regionale Andrea Buquicchio (Italia dei Valori) in una nota diffusa alla stampa.

"Negli ultimi tempi ed in modo sempre più inquietante, gli utenti assistono impotenti al ‘deterioramento’ funzionale del servizio postale – si legge nella nota – Spesso, troppo spesso, oltre che per il solito alibi del guasto tecnico, invocato per celare mancanza di personale, anche per vacanza o insufficienza di cassa".

Di alcuni degli esempi di disservizi citati, il consigliere Buquicchio ne è stato personalmente testimone. Al rientro dalle ferie, presso il proprio studio privato (non in regione), il consigliere ha trovato nella sua buca delle lettere ben quindici "pezzi" indirizzati ad altri nominativi di utenti residenti in numeri civici ben diversi. "Non è possibile – dichiara Buquicchio – confondere il numero 31 con il 26 o il 29 o il 30 o il 33 etc".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)