Adusbef e Federconsumatori chiedono che siano fermati "gli assurdi aumenti del metano e delle relative imposte". Le due associazioni ricordano infatti che da domani, primo luglio, il costo del gas passerà da 13,60 a 17,30 centesimi al metro cubo e le imposte cresceranno da 25,70 a 27,36 centesimi. "E’ evidente – affermano Adusbef e Federconsumatori – l’attività "predatrice" del Governo, che aumenta l’introito delle imposte ogni qualvolta aumenta il prezzo del metano, fino a raggiungere la situazione assurda che ogni famiglia paga sul metano mediamente imposte che valgono il 158% del costo del gas al netto delle spese presenti in bolletta, per il trasporto, lo stoccaggio e la commercializzazione".

Le due associazioni stanno valutando modalità per permettere ai consumatori di rifiutare di pagare l’aumento del metano, "in quanto quello contenuto nella delibera dell’Autorità per l’energia è solo il prezzo massimo ed è determinato in modo indiretto dall’assurdo legame al prezzo del petrolio".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)