Il Ministro delle attività produttive ha creato due commissioni con il compito di analizzare meccanismi e cause che determinato la lievitazione dei costi e, quindi, individuare i possibili margini di manovra sui due dei fronti più caldi in tema di prezzi.
Entro l’estate le due commissioni dovranno presentare al Ministro un dossier dal quale poter trarre i possibili settori d’intervento.

Nella composizione delle commissioni, Scajola schiera sottosegretari, massimi dirigenti ministeriali, esperti di settore, economisti, autorevoli rappresentanti di settore. E mentre il Ministro incassa la piena collaborazione del presidente dell’Ania Cerchiai, i consumatori invece non risparmiano le critiche.

Adusbef e Federconsumatori puntano il dito proprio contro i due sottosegretari chiamati da Scajola a presiedere le strutture:la commissione sulle assicurazioni da Roberto Cota mentre quella sul caro-greggio da Mario Valducci, affiancati rispettivamente dai direttori generali del ministero delle Attività Produttive Mario Spigarelli e Sergio Garribba.

"’Sono solo fumo negli occhi e questo si vede già nella nomina di chi deve stare a capo di queste commissioni, i sottosegretari Cota e Valducci” incalzano Elio Lannutti, presidente dell’Adusbef, e Rosario Trefiletti, di Federconsumatori.”Il primo – affermano – da sempre sbandiera che la colpa degli aumenti è dovuta all’ euro e non ai comportamenti anomali e speculativi che, in totale assenza di un minimo di verifica e di controllo da parte del governo, hanno causato l’aumento spropositato dei prezzi e delle tariffe. Il secondo, già responsabile dei problemi RC Auto che ha portato all’indecente decreto salva-compagnie".

Ancora più polemico il Codacons: ”Due commissioni semplicemente inutili”, secondo Carlo Rienzi. ”Non serve vararle, spendere soldi e aspettare altro tempo per intervenire”. Rienzi anzi si offre personalmente al ministro per spiegare come intervenire in tempi celeri. Le cause degli extracosti, dice Rienzi, sono note: ”nel primo caso la mancanza di concorrenza nel settore delle assicurazioni e l’arroganza delle compagnie che nonostante la diminuzione degli incidenti continuano ad aumentare le polizze; nel caso del caro-greggio, la mancata ristrutturazione della rete di distribuzione dei carburanti e nelle lobbies dei petrolieri che si oppongono allo sviluppo della concorrenza”.

Plauso invece dal presidente dell’Ania Fabio Cerchiai che offre alle Commissione la ”piena collaborazione”. Ma che coglie l’occasione per tornare a ricordare che gli aumenti delle polizze Rc auto negli ultimi due anni sono state inferiori al tasso di inflazione. E ribadisce che l’allarme lanciato ieri dai consumatori di una crescita delle tariffe assicurative da luglio del 6% e’ ”ingiustificato e infondato”.

Il caro-polizze, proprio in questi giorni è tornato ad essere tema di attualità grazie all’allarme lanciato dai consumatori. Per quanto riguarda, invece, il settore petrolifero c’e’ da registrare – dopo l’intervento del Governo (he e’ riuscito a scongiurare gli aumenti delle bollette della luce nel prossimo trimestre) l’andamento delle tariffe del gas, rincarate del 3,7% dal primo luglio, e la continua corsa dei prezzi dei carburanti con la super che ha toccato, proprio nei giorni scorsi, il nuovo record storico di 1,260 euro al litro.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)