Ad inaugurare la stagione dei saldi sarà Napoli dove iniziano oggi e si protrarranno fino al 19 marzo, secondo un calendario che nell’arco di pochi giorni vedrà i negozi di tutta Italia offrire alla clientela prezzi d’occasione sulla merce in vendita. "Dopo una stagione che si è conclusa con un calo delle vendite per le pmi del 15% rispetto all’anno precedente – afferma Alfredo Ricci, presidente della Fismo, l’organizzazione del settore moda della Confesercenti – auspichiamo che il periodo dei saldi contribuisca almeno a recuperare parte delle perdite".

I saldi – continua il presidente – rappresentano un’occasione importante per i commercianti e per i consumatori: per questo abbiamo più volte sottolineato l’opportunità di una data unica d’inizio in modo da creare riferimenti certi per gli uni e per gli altri. Una data, peraltro, che dovrebbe essere spostata più in avanti, verso la fine di gennaio, per evitare che si vada quasi ad accavallare all’ultima fase delle vendite tradizionali di stagione. Sarebbe un modo – aggiunge Ricci – per rendere ancora più vantaggiosi i saldi".

E per garantire la massima trasparenza nello svolgimento delle vendite, la Fismo, come ogni anno, indirizza ai commercianti un decalogo che invita caldamente a rispettare e ai consumatori il consiglio di vigilare sul rispetto delle regole.

1. Attendere il periodo ufficiale dei saldi
2. Indicare in modo chiaro e ben leggibile la composizione del prezzo di vendita al pubblico (prezzo originario, percentuale di sconto, prezzo scontato in euro ed eventualmente in lire)
3. Accettare pagamento con assegni, carta di credito e bancomat secondo i termini delle relative convenzioni.
4. In caso di vizi o mancata conformità rispetto alle caratteristiche descritte del bene venduto in occasione dei saldi il commerciante è soggetto alle ordinarie norme in materia di garanzia.
5. In casi diversi dal vizio o dalla mancata conformità la sostituzione del capo è a discrezione del titolare dell’esercizio.
6. Durante i saldi il commerciante può consentire la prova dei capi in vendita per verificare la corrispondenza della taglia.
7. Non esibire sconti generici, specie se riferiti soltanto ad alcuni articoli.
8. Rendere visibile l’interno del negozio.
9. Evidenziare all’esterno le taglie eventualmente disponibili.
10. Usare la massima cortesia.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)