"Con un prezzo del barile di petrolio che segna un nuovo record storico diventa competitiva la scelta di produrre carburanti come il bioetanolo e il biodiesel ottenuti a partire dai cereali o dalle barbabietole e dalla colza o dal girasole". E’ quanto afferma la Coldiretti nel sottolineare che i settanta dollari al barile sono considerati da molti esperti internazionali come il valore soglia oltre il quale l’energia verde dei campi diventa competitiva con il petrolio, senza considerare i positivi effetti sull’inquinamento atmosferico dovuti alla riduzione di combustibili fossili.

"In Italia – continua Coldiretti avvalendosi di un recente studio del CETA (Centro di Ecologia teorica ed Applicata) – dalla riconversione a colture energetiche di 700.000 ettari di terreno attualmente coltivati a seminativo è possibile produrre combustibili che consentono di risparmiare 2,2 milioni di tonnellate di petrolio/anno".

L’Italia, secondo l’associazione, deve dunque percorrere con più decisione la strada delle energie pulite: potenziando le coltivazioni dedicate alla produzione di biocarburanti (biodiesel e bioetanolo), ma anche attraverso l’utilizzazione di residui agricoli, forestali e dell’allevamento e l’installazione di pannelli solari nella aziende agricole – conclude la Coldiretti – è possibile arrivare a coprire entro il 2010 fino al 13% del fabbisogno energetico nazionale, risparmiare oltre 12 milioni di tonnellate di petrolio equivalenti e ridurre le emissioni di anidride carbonica di origine fossile di 30 milioni di tonnellate.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)