L’Osservatorio ‘Prezzi e mercati’ dell’Indis, istituto di Unioncamere teme, per il prossimo autunno, un nuovo allarme caro prezzi per i prodotti alimentari causato dell’aggravio dei costi con cui le centrali d’acquisto della distribuzione commerciale si approvvigionano presso l’industria alimentare. Il rincaro, però – aggiunge Unioncamere – non dovrebbe generare un aumento dell’inflazione che dovrebbe comunque confermarsi al 2%, tetto a cui si è portata a maggio dallo zero di dicembre.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)