"Il carovita non solo ha colpito tutti, al nord come al sud, ma ha portato via dalle tasche degli italiani la bellezza di 213 miliardi di euro di 7 anni". Lo ha affermato il Presidente Codacons, Carlo Rienzi, commentando l’indagine sui prezzi realizzata dall’Ugl, presentata oggi a Roma. "I rincari piovuti a raffica su prezzi e tariffe, le speculazioni post-euro e l’assenza di una seria politica economica a tutela del potere d’acquisto dei consumatori e per il contenimento dei listini, hanno determinato dal 2002 al 2008 un maggior esborso quantificabile in 9.100 euro a famiglia".

"A tale cifra – ha continuato Rienzi – si devono aggiungere 600 euro di maggiore spesa a famiglia prevista nel 2009, per un totale di 9.700 euro".

Nello specifico, secondo il Codacons, la stima dei rincari negli anni è questa:

  • rincari 2002: 1.800 euro
  • rincari 2003: 1.400 euro
  • rincari 2004: 1.350 euro
  • rincari 2005: 950 euro
  • rincari 2006: 1.000 euro
  • rincari 2007: 1.000 euro
  • rincari 2008: 1.600 euro
  • rincari 2009: 600 euro

Per un totale di 9.700 euro. "Una cifra spaventosa che ha progressivamente distrutto il potere d’acquisto dei cittadini e che oggi si riflette sui consumi oramai al palo. Il rischio concreto per migliaia di famiglie – conclude Rienzi – è la bancarotta e l’ingresso nella fascia di povertà, se non si interverrà subito con interventi concreti ed efficaci".

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)