I cittadini piemontesi stanno risparmiando mensilmente 1,4 milioni di euro: questo il risultato della cancellazione dei ticket sui prodotti farmaceutici con brevetto scaduto. La Regione Piemonte si dice soddisfatta del provvedimento preso nel luglio 2005, che ha portato concreti vantaggi sia per i consumatori che per le finanze del S.S.N.

Nel settembre 2005, sono stati pagati nelle farmacie 5,2 milioni di euro, invece dei 6,6 milioni del settembre dello scorso anno. Sempre dal settembre 2004 a oggi -si legge nella nota- a sostanziale parità di numero di ricette redatte dai medici di famiglia, si è ridotto anche il costo medio delle ricette di farmaci, sceso da 33 a 27 euro, con un vantaggio complessivo per il sistema sanitario regionale.

L’Assessore alla Sanità regionale Valpreda ha così commentato: " Se, com’ è prevedibile, sarà rispettato per quest’anno il tetto di spesa che le leggi regionali prevedono per l’assistenza farmaceutica convenzionata (che non deve superare il 13% della spesa sanitaria complessiva regionale), la giunta potrà disporre delle risorse necessarie per intervenire, come previsto, sul fronte delle esenzioni dai ticket farmaceutici per i pensionati, estendendo la fascia dei soggetti esenti per motivi di reddito".

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)