"La privacy non c’entra nulla. Se la Rai non vuole rivelare il compenso concesso a John Travolta per la sua partecipazione al festival di Sanremo, non tiri in ballo la privacy". E’ la precisazione di Mauro Paissan, componente del Garante privacy, in risposta alle affermazioni di dirigenti Rai che hanno negato la comunicazione dei compensi degli ospiti del Festival per ragioni di riservatezza.

"Il Garante ha sempre affermato il contrario. I concessionari di servizi pubblici, come la Rai, possono rendere conoscibili i compensi a chiunque vi abbia interesse, compresi i giornalisti. A volte, rispetto alla riservatezza del singolo prevale il dovere alla trasparenza. Dovere proprio in particolare di chi, pur operando secondo norme privatistiche, svolge un’attività avente una particolare connotazione, come quella del servizio pubblico radiotelevisivo".

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)