L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha espresso parere favorevole allo schema di provvedimento del ministero delle politiche agricole e forestali in materia di piani produttivi per i formaggi Dop. Il provvedimento prevede che i piani produttivi dimostrino l’alterazione delle normali condizioni di mercato e contengano misure miranti al ripristino delle condizioni ordinarie e mercato e di tutela della qualità delle produzioni.

Soddisfazione nei confronti del parere è giunta da più fronti. Primo fra tutti il ministro delle politiche agricole, Gianni Alemanno che ha definito "storica" la decisione assunta dall’Autorità "perché consente, a fronte di determinati presupposti e in presenza di alterazione delle normali condizioni di mercato, di attuare i piani produttivi volti a programmare i quantitativi prodotti". "Ora – ha aggiunto il Ministro – sarà necessario definire e circostanziare le condizioni che consentono di individuare le alterazioni dei mercati, al fine di rispettare le regole sulla concorrenza".

Apprezzamenti anche dal mondo imprenditoriale agricolo. La Cia (Confederazione italiana agricoltori) ha evidenziato come il parere dell’Antitrust possa "aprire un più ampio confronto sulla programmazione produttiva relativa a tutte le altre produzioni a denominazione di origine. Inoltre la posizione assunta dall’Autorità consente, in presenza di alterazioni di mercato di attuare, a determinate condizioni, piani per programmare i quantitativi prodotti Dop. Coldiretti auspica che "la decisione dell’antitrust è un precedente importante da estendere a tutte le altre grandi produzioni a denominazione di origine per le quali l’Italia detiene la leadership in Europa".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy

Parliamone ;-)