Un’occasione per conoscere personalmente, per un’intera giornata, i grandi nomi dell’enogastronomia italiana, degustare i loro prodotti (vini, grappa, pani, salumi, formaggi, cioccolato, caffè, gelati…), assaggiare una selezione unica di prodotti di Presìdi e conoscere i progetti avviati da Slow Food, grazie a un programma di conferenze, incontri e documentari. E’ "Eccellenti e Solidali", iniziativa di Slow Food per la Biodiversità Onlus in collaborazione con Coldiretti che si svolgerà sabato 3 dicembre a Roma.

In particolare, i Presidi sono progetti che tutelano prodotti già entrati a far parte dell’Arca del Gusto, iniziativa che ha lo scopo di cercare in Italia e nel mondo prodotti tipici minacciati dall’omologazione industriale.

Grazie a testimonial della Coldiretti sarà anche mostrata dal vivo la lavorazione originale di alcune eccellenze alimentari sapientemente conservate con semplicità da imprenditori agricoli e pastori della campagna del nord, centro e sud Italia. Dall’antico mais marano della pianura veneta che diventa polenta, al latte di pecora trasformato in pecorino secondo millenarie tecniche tramandate dall’antica Roma, fino ai segreti per ottenere un profumato limoncello dai limoni di Sorrento, roccaforte contro il degrado del territorio della Costiera.

La partecipazione all’evento prevede una offerta minima è di 30 euro; l’intero incasso sarà devoluto alla Fondazione Slow Food per la Biodiversità Onlus allo scopo di finanziare Presìdi nei Paesi in via di sviluppo con l’obiettivo di un collegamento forte e di un linguaggio comune fra chi produce cibo di qualità nelle varie aree del mondo, dagli Stati Uniti al Burkina Faso, dalla Malesia al Cile. Sarà possibile degustare una selezione unica di prodotti dei Presìdi, dal pecorino di Farindola al riso Basmati di Dehradun (India), dalla pitina friulana al caffè delle terre alte di Huehuetenango (Guatemala).

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)