Il 9 settembre scadono i termini per l’approvazione del Codice delle assicurazioni. Il Consiglio dei ministri del 2 settembre è quindi l’ ultima possibilità per il Governo di approvare il testo. A ricordarlo sono: Adiconsum, Assoutenti, Cittadinanzattiva, Confconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori che sollecitano l’esecutivo ad approvare il Codice delle assicurazioni e l’indennizzo diretto per ridurre i tempi di liquidazione, combattere le frodi e soprattutto consentire una riduzione delle tariffe del 10-15%,migliorando la qualità del servizio.

Di seguito riportiamo i motivi per cui le associazioni sono favorevoli all’indennizzo diretto:

1. Perché riduce e semplifica i tempi del risarcimento;
2. Perché comporta più trasparenza sulle riserve;
3. Perché facilita la lotta alle frodi ed ai comportamenti scorretti ancora molto diffusi;
4. Perché crea anche nel settore assicurativo un rapporto diretto fra tariffa pagata e servizio ricevuto, sviluppando servizi complementari quali carrozzerie convenzionate, auto di cortesia, certificazione della riparazione, ecc.;
5. Perché può ridurre in modo significativo il malcostume tutto italiano che vede in molti casi i risarcimenti al danneggiato inferiori alla spesa per gli onorari;
6. Perché l’ indennizzo diretto non toglie al danneggiato alcun diritto di ricorrere a professionisti qualora ritenga non congrua l’ offerta di risarcimento.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)