Il presidente di Fipe e Confcommercio, Sergio Billè, ha annunciato la fine dello stato di agitazione sui buoni pasto. A far rientrare le proteste sono state soprattutto le dichiarazioni del ministro delle Attività produttive, Claudio Scajola nel corso della Sessantesima assemblea della Fipe in corso in questi giorni a Saint Vincent. Il ministro ha promesso infatti che sarà ripresentato l’emendamento al ddl sulla competitività che prevede anche la revisione delle gare organizzate in base all’offerta economicamente più vantaggiosa e non al massimo ribasso come avviene attualmente.

"Ciò non toglie – ha dichiarato Billè – che se la situazione non verrà risolta, lo stato di agitazione sui buoni pasto sarà riproposto nelle varie città con modalità da definire di volta in volta".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)