Tariffa rifiuti: si dia applicazione alla sentenza della Corte Costituzionale, che ha dichiarato illegittima l’IVA sulla TIA, nel decreto milleproroghe. È quanto chiede oggi Federconsumatori: "Abbiamo già denunciato come, attraverso una circolare del Dipartimento delle Finanze del Ministero dell’Economia, si stia tentando di ristabilire l’applicazione dell’IVA sulla TIA attualmente in vigore, annullando contestualmente la cessazione dell’IVA sulle attuali bollette e la possibilità dei rimborsi giustamente e legittimamente richiesti da 17 milioni di cittadini".

L’associazione chiede dunque al Governo, "qualunque esso sia", di dare applicazione alla sentenza della Corte Costituzionale, che aveva dichiarato illegittima l’IVA sulla TIA, vera e propria "tassa sulla tassa". Anche l’Agenzia delle Entrate, ricorda Federconsumatori, con un parere espresso su richiesta della società per la raccolta rifiuti di Treviso (Treviso Servizi), aveva comunicato "che il servizio rifiuti risulta essere escluso dall’ambito di applicazione dell’IVA". L’associazione annuncia che se non verrà prevista una misura che applichi la sentenza, si studieranno interventi legali per far valere i diritti dei cittadini.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)