"L’indagine sul traffico di rifiuti tossici sostituiti ai rubinetti nei container di una ditta di Novara è un ulteriore conferma di quanto Legambiente ripete da tempo: lo smaltimento illecito di rifiuti pericolosi è un fenomeno che cresce di anno in anno ed è diventato un business nazionale e internazionale di proporzioni enormi". Queste le parole di Legambiente per commentare i risultati dell’indagine sul traffico internazionale di rifiuti chimici e tossici che ha portato a 4 arresti.

L’anno passato i traffici della criminalità organizzata in campo ambientale hanno generato un fatturato stimato intorno a 24 miliardi e 600 milioni di euro. Buona parte di questo bilancio è rappresentato proprio dai traffici illeciti di rifiuti tossici e pericolosi dentro e fuori dalle nostre frontiere.

"Continua a crescere – si legge nella nota diffusa dall’associazione ambientalista – quella sorta di "catena montuosa" di rifiuti speciali prodotti e finiti nel nulla che viene denunciata ogni anno da Legambiente, dopo una faticosa analisi degli ultimi dati ufficiali disponibili: nel 2002 si è raggiunto il massimo storico di 14,6 milioni di tonnellate di rifiuti di cui viene stimata la produzione ma non se ne conosce il destino, equivalenti a una montagna alta 1.460 metri con una base di tre ettari. Le infrazioni accertate nel 2004 nel ciclo dei rifiuti sono state 4.073 e 1.702 i sequestri. Il 38,3% di questi illeciti si registra nella quattro regioni a tradizionale presenza mafiosa, tutte commissariate da diversi anni".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)