La Giunta della regione Umbria ha proposto al Consiglio di aderire alla richiesta di indizione del referendum popolare abrogativo della legge "Modifiche alla parte II della Costituzione", approvata in seconda votazione dalla Camera dei deputati il 20 ottobre 2005 e dal Senato della Repubblica il 16 novembre 2005 e pubblicato nella Gazzetta ufficiale n.269 del 18 novembre 2005. In particolare, la Costituzione Italiana prevede che possa essere indetto un referendum abrogativo "di una legge o di un atto avente valore di legge, quando lo richiedono cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali" (art. 75).

In particolare, la Giunta ha ritenuto che "il testo di riforma costituzionale approvato presenti elementi di rilevante criticità, anzitutto con riguardo alle nuove norme concernenti la forma di governo e che sono introdotti elementi di confusione sulle competenze legislative e sui relativi procedimenti; che tali elementi di confusione si presentano particolarmente critici nello stesso procedimento legislativo statale, senza che sia peraltro introdotta nel sistema parlamentare un’effettiva rappresentanza delle regioni; che vi sono, infine, vistosi riaccentramenti di competenze legislative regionale allo Stato".

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)