"Il ricorso al giudizio arbitrale che sarà promosso presso l’Icsid (costituito da 154 stati tra cui l’Italia e l’Argentina, che risolve le controversie tra governi nazionali e investitori privati) non impedisce agli investitori in titoli della Repubblica argentina – che non hanno aderito all’offerta di scambio conclusa lo scorso 25 febbraio – di avviare azioni nei confronti degli intermediari, laddove gli obbligazionisti lamentino la violazione di norme in materia di servizi di investimento. Ciò a motivo della diversità di rapporti, con la Repubblica Argentina, da un lato, nella sua veste di emittente dei bond; con la banca, dall’altro, nella sua qualità di intermediario".Così la Task force argentina chiarisce alcune dichiarazioni rese negli ultimi giorni e precisa: "Fermo restando che il ricorso alla procedura arbitrale non è di impedimento all’avvio di azioni nei confronti dell’intermediario, possono peraltro emergere esigenze d’ordine processuale e operativo tali da rendere necessaria la revoca del mandato per l’arbitrato internazionale".


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)