E’ stata pubblicata ieri la Gazzetta Ufficiale n.301 contente la nuova legge sul risparmio. Per effetto della pubblicazione sono già in vigore le nuove norme per la nomina e la durata del mandato del governatore della Banca d’Italia: nel comma relativo alle nuove procedure di nomina del governatore è scritto, infatti, che "le disposizioni entrano in vigore alla data di pubblicazione della presente legge nella Gazzetta Ufficiale", che porta la data del 28 dicembre. Lo stesso è previsto per la norma con la quale è stabilito che "il governatore dura in carico sei anni, con la possibilità di un solo rinnovo del mandato".

Tra le principali novità, la riforma della Banca d’Italia, che introduce il mandato a termine di 6 anni per il governatore che sarà nominato e revocato dal Capo dello Stato su proposta del Governo, sentito il Consiglio superiore di Bankitalia. Adesso, infatti, il Consiglio dei Ministri dovrà indicare al presidente della Repubblica un nome per Palazzo Koch. Prevista inoltre una moratoria di tre anni per il passaggio in mano pubblica della proprietà delle banche.

All’Autorità Garante della concorrenza e del mercato passa la vigilanza sulla concorrenza bancaria per gli abusi di posizione dominante e per le intese restrittive della concorrenza, prima di competenza di Bankitalia. In totale le autorità di vigilanza sono 5: Banca d’Italia, Antitrust, Isvap, Covip e Consob. La nuova disciplina consente inoltre, nella vigilanza ispettiva ed informativa, la collaborazione della Guardia di Finanza.

Istituita presso il Governo una commissione per la tutela del risparmio, mentre è stata stralciata la norma che destinava al rimborso dei risparmiatori vittime di crac finanziari, i depositi giacenti presso le banche e non rivendicati per un certo lasso di tempo. Per quanto rigurda il falso in bilancio, la nuova legge sul risparmio prevede l’arresto fino a due anni.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)