Prende inizio oggi nel comune di Grado (Go) il nuovo piano di prevenzione per il tumore al seno promosso dall’Amministrazione del Friuli Venezia Giulia: lo scopo è quello di sottoporre, entro la metà di febbraio del 2006, tutte le donne della regione tra i 50 e i 69 anni a una mammografia, da ripetere ogni due anni.

Tutte le donne interessate saranno avvisate con lettera sul luogo e l’ora dell’appuntamento (che sarà possibile spostare chiamando un Numero Verde). Le visite saranno effettuate su speciali camper sparsi sul territorio, forniti degli impianti diagnostici necessari.

"La prevenzione – ha ricordato l’assessore regionale alla Salute e alla Protezione sociale Ezio Beltrame – costituisce uno dei fondamentali principi strategici nell’organizzazione della sanità regionale. Proprio nel caso del tumore al seno essa ha dimostrato scientificamente la sua efficacia". "Utilizzando i camper – ha aggiunto Beltrame – otteniamo un altro importante risultato: sgravare i reparti radiologici degli ospedali da una notevole mole di lavoro, migliorando così il problema delle liste di attesa".

L’iniziativa è nata dalla constatazione del tasso di incidenza del tumore al seno nella regione, superiore alla media nazionale: vengono diagnosticati ogni anno circa 1000 casi, mentre i decessi sono annualmente 320, una mortalità del 10 per cento più alta di quella italiana. D’altronde sono ancora poche le donne friulane tra i 50 e i 69 anni, che si sottopongono volontariamente a una periodica mammografia (solo il 35,4 per cento). La sanità regionale intende giungere alla riduzione della mortalità del 25 %: in concreto nei prossimi 8-10 anni potranno essere salvate dalle 2 alle 4 donne in pi al mese.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)