Secondo alcune ricerche di cui ha parlato oggi la Presidente della Commissione Bicamerale Infanzia, Maria Burani Procaccini, i giovani italiani che hanno una dipendenza dall’alcol – di cui un quarto appartiene alla fascia d’età tra i 14 ed i 18 anni – sarebbero un milione. ”Le dipendenze da alcol e quelle correlate ad uso di sostanze stupefacenti – ha spiegato la Burani Procaccini- rappresentano una quota enorme nel disagio del Paese: se si pensa che l’approdo di 250mila giovanissimi verso la vita è segnato da un’incipienza di manifestazioni cliniche e psichiatriche derivanti dall’abuso di alcol, il campanello d’allarme suona nella sua gravità".

"Birra, apertivi alcolici, superalcolici e bevande zuccherate ad alto contenuto alcolico – ha aggiunto – sono le bevande più utilizzate: non è un caso che il vino italiano, buono e salutare in dosi moderate, sia completamente ignorato". La Burani ha ricordato, poi, che sono circa 30mila le persone che ”muoiono ogni anno per incidenti stradali causati da alcool" e che ”leggendo i dati eziopatogenetici di grandi e piccole città si scopre che epatite e cirrosi sono in forte aumento fra gli adolescenti ed i ragazzi". Per questo, ha concluso, " non è possibile non intervenire congiuntamente per mettere mano ad un problema che inizia ad essere devastante".

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)