"Ogni volta, di fronte a un nuovo caso di meningite, ci domandiamo quanti morti e invalidi ci dovranno ancora essere prima che le vaccinazioni siano disponibili immediatamente e gratuitamente per tutti i neonati, indifferentemente dalla regione e dalla Asl di appartenenza. A questa drammatica domanda alcune Regioni, in particolar modo la Lombardia e il Piemonte, continuano a non rispondere adeguatamente". Così Maria Rita Munizzi, presidente nazionale del Moige – Movimento Italiano Genitori commenta la morte per meningite di un bimbo di 16 mesi, residente a Barbarano di Salò, avvenuta all’ospedale Civile di Brescia nella notte tra venerdì e sabato scorso.

"Le Regioni Lombardia e Piemonte, che secondo gli ultimi dati provvisori dell’Iss detengono il record di casi di meningite – spiega la presidente del Moige – sono proprio quelle che non offrono adeguata prevenzione della malattia, non essendosi ancora adeguate al Piano Nazionale Vaccini contrariamente alla maggioranza delle regioni italiane. Per le vaccinazioni antimeningite infatti ci sono lunghe liste, fino a tre mesi, e alti ticket da pagare. Così Lombardia e Piemonte negano ai bimbi l’uguale diritto alla prevenzione e alla salute".

In particolare nella Asl di Brescia in cui è morto il bimbo di 16 mesi il vaccino contro la meningite è gratis solo per le categorie a rischio, esclusi i pretermine. Per loro è previsto un tempo d’attesa superiore a tre mesi e non è previsto il co-pagamento. Fa eccezione la ASL della Vallecamonica (sede distaccata della ASL di Brescia) che prevede il pagamento di un ticket di 55 euro per ogni dose di vaccinazione contro lo pneumococco e di 22 euro per dose contro il meningococco.

"Al momento, nonostante le aperture al dialogo di Piemonte e Lombardia, non ci sono stati provvedimenti concreti e la meningite continua a uccidere. Noi genitori- conclude la Munizzi – diciamo basta a questo stillicidio di piccole vittime, No al federalismo vaccinale e chiediamo vaccini gratuiti e senza liste d’attesa per tutti i neonati in ogni regione, perché i bimbi non devono più morire di malattie prevenibili".

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)