Il ritorno a scuola è ormai imminente. L’associazione Oftalma Onlus approfitta per ricordare alcuni buoni consigli per preservare la vista dei bambini. Innanzitutto l’associazione ricorda che è buona norma effettuare, entro il primo mese di vita, la prima visita oculistica e ripeterla ogni qualvolta il bambino storce gli occhi, non segue le immagini in movimento, lacrima eccessivamente o si orienta male o in caso di occhio rosso.

Inoltre, anche se il bambino non si lamenta e non presenta alcun sintomo, è bene effettuare un controllo prescolastico per affrontare al meglio la prima elementare non trascurando anche un test della visione dei colori ed una visita strabologica. Talvolta, infatti, alcuni bambini hanno mal di testa o rossore oculare nella lettura; appaiono svogliati, distratti fino a essere considerati fannulloni quando, in realtà, è un difetto di vista a rendere impossibile concentrarsi per più di qualche minuto.

Secondo l’Oftalma Onlus, inoltre, è consigliabile prendere della pause durante il lavoro al computer cercando di non affaticare la vista. Il bambino deve inoltre assumere una posizione eretta, stare ad almeno 33 cm dal libro e la scrivania deve essere posta in una zona illuminata dalla luce naturale del sole. L’associazione conclude con un consiglio rivolto agli adolescenti che utilizzano lenti a contatto colorate o da vista invitandoli a limitarne l’uso onde evitare il danneggiamento degli occhi.

Clicca qui per approfondire l’argomento.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)