Oggi, venerdì 7 ottobre, si svolge la settima edizione della Giornata Nazionale dei Risvegli. Si tratta di un’iniziativa promossa dall’associazione onlus "Gli amici di Luca" con il patrocinio Ministero per i Rapporti con il Parlamento e sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, per informare, aiutare e sostenere le famiglie dei pazienti in coma e stato vegetativo.

"Gli amici di Luca" è un’associazione che nasce nel 1997 per provvedere, attraverso un appello alla solidarietà, alle cure necessarie per risvegliare Luca, ragazzo bolognese di 15 anni in coma per 240 giorni e purtroppo scomparso nel 1998. La Giornata Nazionale dei Risvegli rientra nell’obiettivo dell’associazione di attuare iniziative per sensibilizzare il sistema sanitario nazionale per creare una rete di "Case dei risvegli" in Italia.

Oggi la "Casa dei risvegli" esiste e celebra il suo primo anno vita. E’ stata creata dall’associazione stessa e e dall’Azienda USL di Bologna; si tratta di una struttura pubblica innovativa per giovani e adulti in coma sorta nell’area dell’Ospedale Bellaria. L’obiettivo è fare del’istituto un centro pilota, capace di proporre in tutta Italia una modalità di assistenza incentrata sul paziente e basata sul lavoro di professionisti sanitari, familiari, professionisti non sanitari e volontari. "E proprio per promuovere la "Casa dei Risvegli" come modello per una strategia di messa in rete, su scala nazionale, di strutture analoghe per un sistema adeguato di cura dei pazienti in stato vegetativ – si legge in una nota dell’associazione – , lo slogan della "Giornata dei Risvegli" di quest’anno è "Devo dirti un’altra casa".

Sono molte le iniziative che si svolgeranno oggi in varie città d’Italia: appuntamenti di rilevanza sociale e scientifica, con convegni, incontri pubblici, sport e spettacoli teatrali. Per scaricare il programma degli eventi, clicca qui.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)