Un numero verde per chiedere informazioni nell’ambito del programma di sorveglianza e controllo della tbc in ambito neonatale: è l’iniziativa avviata dal policlinico Gemelli di Roma che, "proseguendo le iniziative di assistenza alle famiglie dei nati presso la propria struttura, comunica che i genitori interessati potranno richiedere la consulenza e il supporto specialistico di cui avvertano la necessità o il bisogno".

È quanto comunica il policlinico in una nota stampa, in cui si legge che "alle richieste di assistenza clinica risponderà un pool di medici direttamente impegnati nel programma di sorveglianza attuato sulla tbc, che potranno valutare la necessità di predisporre quanto prima un’eventuale visita specialistica". Il numero verde è 800.281122 ed è attivo dalle ore 9.00 alle 13.00, dal lunedì al venerdì.

A tale numero ci si potrà rivolgere anche per avere informazioni e chiarimenti relativi alla tbc neonatale e alla sua profilassi. Da lunedì 5 settembre rimane inoltre operativo l’ambulatorio dedicato del policlinico per tutte le famiglie che, per motivi personali, hanno voluto posticipare l’appuntamento per la visita dei propri bambini coinvolti nel programma di sorveglianza e controllo della tbc.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Marco Fratoddi, giornalista professionista e formatore, insegna Scrittura giornalistica al Dipartimento di Lettere e Filosofia dell’Università di Cassino dove ha centrato il proprio corso sulla semiotica della notizia ambientale e le applicazioni giornalistiche dei nuovi media. È direttore responsabile del periodico culturale "Sapereambiente", ha contribuito a fondare la “Federazione italiana media ambientali” di cui è divenuto segretario generale nel 2014. Collabora con il Movimento difesa del cittadino come caporedattore del progetto "Io scrivo originale" per l'educazione alla legalità nelle scuole della Campania, partecipa come direttore artistico all'organizzazione del Festival della virtù civica di Casale Monferrato (Al). E' stato Direttore editoriale dell’Istituto per l’ambiente e l’educazione Scholé futuro-Weec network di Torino, ha diretto dal 2005 all’ottobre 2016 “La Nuova Ecologia”, il mensile di Legambiente, dove si è occupato a lungo di educazione ambientale e associazionismo di bambini. Fa parte di “Stati generali dell’innovazione” dove segue in particolare le tematiche ambientali e le attività di comunicazione. Fra le sue pubblicazioni: Salto di medium. Dinamiche della comunicazione urbana nella tarda modernità (in “L’arte dello spettatore”, Franco Angeli, 2008), Bolletta zero (Editori riuniti, 2012), A-Ambiente (in Alfabeto Grillo, Mimesis, 2014).

Parliamone ;-)