Un Patto per la sanità con assessori regionali? E’ l’iniziativa proposta oggi dal Ministro Turco. Ma secondo Cittadinanzattiva "se si vuole fare una operazione vera, e che produca effetti che non pesino solo sugli utenti del servizio, devono essere presenti anche i cittadini".
"E’ necessario affrontare il nodo della riunificazione del servizio sanitario", ha affermato Alessio Terzi, vice presidente di Cittadinanzattiva "nel senso che la residenza non può essere un fattore di discriminazione nella tutela dei diritti".

E’ necessario rivedere anche il contenuto e il valore economico dei Livelli essenziali di assistenza, anche per rimediare alle troppe esclusioni ancora esistenti. Ancora, bisogna controllare i criteri di valutazione dell’appropriatezza dei ricoveri, tenendo conto anche del dato relativo all’aumento delle dimissioni precoci. Le regioni inadempienti dovranno certamente affrontare il deficit, ma questo non può avvenire a spese dei cittadini quando I responsabili hanno a suo tempo incassato i premi. "Crediamo fondamentale la partecipazione delle organizzazioni di tutela dei cittadini ai gruppi di lavoro istituiti su questi temi", ha quindi concluso Terzi, "anche per evitare che le misure diventino esercitazioni contabili o strumenti di razionamento delle prestazioni".

 

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)