Attuazione di tutte le possibili azioni per ottenere che il decreto Storace venga convertito in modo tale da mantenere lo stesso prezzo praticato in tutte le farmacie e applicazione delle liste di trasparenza sui farmaci di fascia C e del massimo sconto previsto dal decreto, ed evitare effetti perversi. E’ quanto prevede l’accordo siglato, in questi giorni, tra Federfarma (federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia italiani) e regione Calabria.

Al termine dell’iter del decreto legge che affida al mercato il prezzo dei farmaci, l’assessore regionale alla sanità Doris Lo Moro e i farmacisti della Calabria si incontreranno "per verificare – ha dichiarato in una nota il dott. Alfonso Misasi, il segretario regionale della Federfarma della Calabria – che la politica degli sconti non si trasformi, di fatto, nell’accesso a prezzo pieno solo per le Regioni dove hanno sede la maggior parte delle aziende farmaceutiche a danno delle stesse, prima tra tutte la Calabria, dove le minori opportunità di mercato e le maggiori spese di trasporto potranno produrre condizioni di acquisto meno convenienti".

I Farmacisti – ha aggiunto Misasi – hanno sottolineato da sempre la necessità che sia lo Stato a stabilire il prezzo del farmaco e che tale prezzo sia fisso ed unico su tutto il territorio nazionale perché l’ammalato, in stato di necessità e di soggezione psicologica dalla malattia, non è nelle condizioni di misurarne in piena coscienza il livello di utilità e sarebbe portato ad accettare acriticamente le condizioni che il mercato gli propone.


Vuoi ricevere altri aggiornamenti su questi temi?
Iscriviti alla newsletter!



Dopo aver inviato il modulo, controlla la tua casella per confermare l'iscrizione
Privacy Policy


Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)