Il Tar del Lazio ha accolto il ricorso dei Cobas, annullando tutte le disposizioni illegali imposte dal Ministro dell’Istruzione, della Università e della Ricerca, Letizia Moratti, alle scuole elementari e medie sul portfolio, ovvero sul documento nel quale i professori dovevano registrare tutte le competenze acquisite dall’alunno dalla materna fino alle superiori. E’ quanto afferma Piero Bernocchi, portavoce dei Cobas-Scuola sottolineando l’accoglimento del ricorso avverso alla circolare 84 del 2005 da parte del Tar, centrata in larga parte sul ‘portfolio’ e sull’insegnamento della religione.

"Il Tar del Lazio ha dato ragione ai Cobas e ai coordinamenti genitori-insegnanti che in questi mesi avevano già impedito nella grande maggioranza delle scuole l’applicazione della riforma – prosegue Bernocchi – annullando l’illegalità morattiana e intimando al ministro di revocare la circolare 84 del 10 novembre e di emanare nuove circolari conformi alla normativa pre-esistente. D’ora in poi, quindi, gli organi collegiali possono deliberare l’adozione della scheda di valutazione con i curricula previsti dai programmi del 1985 per le elementari e del 1979 per la media".

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)