Confagricoltura e Italmopa, l’associazione che rappresenta l’industria molitoria e pastaria italiana, stanno lavorando a un’intesa per "valorizzare economicamente la qualità della produzione nazionale di grano duro e assicurare una maggiore capacità di approvvigionamento dell’industria della pasta". Lo rende noto Confagricoltura sottolineando che l’intesa riflette gli obiettivi che l’organizzazione agricola intende "perseguire nel 2006 per valorizzare la qualità della pasta di grano duro made in Italy e contrastare l’aumento delle importazioni da Paesi terzi".

Per l’Organizzazione degli imprenditori agricoli l’adozione di disciplinari di coltivazione e di stoccaggio del grano duro, all’interno di sistemi volontari di rintracciabilità di filiera, può rappresentare una ulteriore garanzia della genuinità del prodotto nazionale, che deve trovare adeguato riscontro nel mercato. Per tutelare i consumatori e le aziende impegnate a produrre qualità – ribadisce Confagricoltura – è comunque imprescindibile una intensificazione dei controlli sullo stato sanitario del frumento importato.

Scrive per noi

Redazione
Redazione
Help consumatori è la prima e unica agenzia quotidiana d'informazione sui diritti dei cittadini-consumatori e sull'associazionismo che li tutela

Parliamone ;-)